news

Turismo: Superbonus 80% e ai nuovi aiuti a fondo perduto

Arriva il Superbonus per il turismo, vengono stanziati €2,4 mld, con una leva finanziaria di €6,9 mld. Di questi, oltre €1,7 mld saranno destinati alla riqualificazione di alberghi, strutture ricettive, stabilimenti balneari, porti turistici, parchi tematici, complessi termali, fiere, congressi e agriturismi. Per queste attività almeno €500 mln sono riservati a un credito d’imposta dell’80% e a un contributo a fondo perduto., sarà destinato a interventi che non dovranno arrecare danni agli obiettivi ambientali comunitari. Il Superbonus sarà utilizzabile per i lavori nuovi e non ultimati.

L’erogazione avverrà in base all’ordine di invio delle domande. É previsto anche un contributo a fondo perduto fino a €40.000, incrementabile fino a:

  • €30.000 se la spesa è destinata per almeno il 15% a innovazione tecnologica ed energetica;
  • €20.000 per l’imprenditoria femminile e under 35;
  • €10.000 per le imprese del Mezzogiorno.

La cumulabilità non potrà superare i costi sostenuti e, nel caso del fondo perduto, il tetto viene fissato a €100.000.

Chi accede al fondo perduto non potrà beneficiare di altri bonus edilizi o aiuti senza obbligo di restituzione.

Il Fondo di garanzia per le Pmi avrà una sezione per le imprese già attive e nuove attività di giovani e donne che puntano su innovazione tecnologica e sostenibilità ambientale (le risorse sono pari a €358 mln). A questa sezione si aggiungono altri due fondi:

  • uno rotativo (Cdp) di €180 mln per interventi di riqualificazione tra €500.000 e €10 mln (il contributo dello Stato è fissato al 35%);
  • uno dedicato al settore con Mef e Bei, ha una dote di €500 mln ed è finalizzato allo sviluppo di nuovi itinerari pedonali turistici culturali, compreso il ripristino delle linee ferroviarie storiche.

In vista del Giubileo del 2025, saranno messi a disposizione altri €500 mln per il Lazio. Infine, per la digitalizzazione dei servizi di agenzie di viaggi e tour operator sarà previsto un credito d’imposta del 50% nel limite di €25.000 di spesa, a cui il decreto destina €98 mln.

Check Also
Close
Back to top button