Ooho: la bottiglietta d’acqua commestibile

Ha la forma di una piccola bolla sferica morbida, trasparente e soprattutto commestibile. Si chiama Ooho ed è il futuro del packaging, così sostengono i suoi sviluppatori, Skipping Rocks Lab.
Presentata come la bottiglia del futuro, con l’obiettivo di cambiare per sempre il trasporto e il consumo dei liquidi, questa piccola bolla ha un occhio di riguardo per l’ambiente, in quanto non solo totalmente biodegradabile, ma anche edibile.
Ispirandosi alla composizione dei tuorli d’uovo e a come la natura già provvede all’incapsulamento dell’acqua, Ooho presenta delle membrane che permettono di mantenere il contenuto liquido fermo in uno strato gelatinoso. Per crearle si sfrutta la tecnica della gelificazione, che consiste nel trasformare una sostanza liquida in un gel attraverso l’aggiunta di un agente gelificante.
La membrana gelatinosa di origine vegetale, che costituisce la “bottiglia” può essere ingerita in tutta sicurezza o gettata via, essendo biodegradabile. Deriva, infatti, da alghe commestibili sottoposte a un processo di sferificazione, una tecnica che consente di creare delle sfere che racchiudono un liquido.
I vantaggi principali di Ooho rispetto ad una comune bottiglietta di plastica sono 2:

  • È al 100% commestibile o completamente biodegradabile entro 4-6 settimane (rispetto ad una bottiglietta di plastica che richiede 700 anni circa);
  • È più economica rispetto alla plastica (il costo medio per produzione di un’unità è di 2 centesimi);

Quando interrogati sulle ragioni per cui hanno sviluppato Ooho, i tre ingegneri hanno dichiarato che: “le bottiglie di plastica sono tra i rifiuti più comuni trovati nel mare. Cambiare il modo in cui confezioniamo le nostre bevande è fondamentale per la protezione dell’ambiente. Ooho rende rispettare l’ambiente più facile e consente ai consumatori di fare le scelte positive che vogliono veramente fare.”

Leave A Reply