Investire in start-up per poi scambiarsi quote in una vera e propria borsa delle start-up: si può fare.

Nasce dall’affermata piattaforma CrowdFundMe e difatti si chiamerà CFM Board. Ormai è pacifico che l’equity crowdfunding non sia più solo un fenomeno, ma una soluzione che permette anche a piccoli risparmiatori di investire in economia reale diversificando e puntando su startup e PMI innovative.
Il CEO di CrowFundMe ci spiega questa nuova funzione.
CFM Board è la bacheca elettronica per lo scambio di quote o azioni societarie del nostro portale. In particolare, gli investitori che hanno acquistato delle partecipazioni nelle emittenti di CrowdFundMe potranno pubblicare delle offerte per rivenderle online nella bacheca. Dal lato dei compratori, invece, CFM Board offre la possibilità di acquisire in fase secondaria, anche una volta chiuso il round di finanziamento, quote di società che hanno potuto svilupparsi grazie all’Equity Crowdfunding e che puntano a crescere ulteriormente. La nostra bacheca consente la compravendita di partecipazioni in società che non sono ancora quotate in Borsa. Le startup possono quindi attirare sempre più investitori, i quali, grazie a CrowdFundMe, avranno a disposizione uno strumento in più per liquidare gli asset in portafoglio.
Un elemento fondamentale per una persona che valuta di investire in una startup. Con CFM Board l’investitore ha uno strumento in più di monetizzazione del proprio investimento, in quanto favorisce la liquidità dei prodotti finanziari collocati dal portale. Una volta pubblicato l’annuncio di vendita di una partecipazione e trovato l’acquirente, l’investitore può monetizzare. La nostra bacheca elettronica migliora quindi l’orizzonte temporale degli investimenti effettuati tramite CrowdFundMe, permettendo agli utenti una potenziale rivendita delle quote o azioni in portafoglio anche nel breve termine.
Il portale non interviene nella formulazione del costo degli asset in vendita sulla bacheca. Il prezzo della quota è stabilito unicamente dall’incontro tra la domanda e l’offerta e, quindi, dall’accordo tra il proprietario della partecipazione e l’acquirente.
CFM Board per CrowdFundMe non è un punto di arrivo, ma un punto di partenza. Dobbiamo e vogliamo continuare a innovare, con l’obiettivo di una progressiva evoluzione della bacheca elettronica, fino a creare uno spazio virtuale che diventi il punto di riferimento per la compravendita di partecipazioni in società che non sono ancora arrivate in Borsa.”

Leave A Reply